Traversata Rosetta-Val Canali 8 marzo 2014

Segni Busa della RosettaQuella che presento è una delle uscite invernali più belle che abbia vissuto. Salito in funivia sull’Altopiano delle Pale, ai piedi della Cima Rosetta, abbiamo attraversato tutto l’Altopiano per poi scendere in Val Canali. La traversata implica l’organizzazione con due macchine, una per salire fino a San Martino e poi una per rientrare a San Martino.

Bianco che più bianco non si puòTutto il percorso è stato realizzato con le ciaspe. Con gli sci d’alpinismo il tutto diventa molto più veloce ed è fattibile in presenza di buon innevamento, come lo era in questo periodo, soprattutto per il tratto di discesa in Val Canali.

Da San Martino di Castrozza è consigliabile utilizzare gli impianti di risalita per raggiungere l’Altopiano, per il pericolo valanghe, il tempo necessario e le pendenze molto importanti del tratto finale.

Partenza dalla stazione terminale della funivia, quota 2700m. Verificare sempre la disponibilità degli impianti di risalita e gli orari http://www.impiantices.it/

Il Freddo, verso la Busa di MannaLa partenza è in discesa, lungo il pendio della Rosetta che si segue nel suo tratto più meridionale che si affaccia sulla Val di Roda. Per creste e tracce spesso evidenti si prosegue prendendo il canale che sta alla base della cima delle Scarpe, tenendosi sempre sulla evidente cresta. Al termine di questa salita si curva in direzione sud-sud/est, abbandonando la visuale del Rifugio Rosetta e cominciando a intravvedere la Cima Fradusta. Si continua alla base dei pendii che circondano la Pala di San Martino.

Neve Fresca alla Busa di MannaSi prosegue. Il sentiero estivo continua di traverso su una sottile traccia su pendio inclinato. E’ più conveniente e sicuro scendere, stare bassi e quindi risalire trovandosi di fronte alla Fradusta. E’ una traccia ben seguita e battuta da sci-alpinisti e ciaspolatori e, vista la quota, non presenta normalmente condizioni favorevoli a slavine. Si continua in direzione sud-sud/est. Si passa sul fianco di un modesto colle, si prende qualche cresta e si punta direttamente verso la Forcella alta del Ghiacciaio, in modo da raggiungerla nel punto più basso. Il tratto per arrivarci richiede di risalire per 50m  con pendenza consistente.

Catena nord delle PaleDa qui si può deviare verso la vetta della Fradusta. Gli ultimi 200 metri di salita alla vetta si fanno su percorso libero senza difficoltà, seguendo il pendio più consono vista la distribuzione della neve, spostata dal vento qui sempre presente. Si arriva in vetta dove si godrà di una vista superlativa a 360°C su gran parte dell’Arco Dolomitico . Nelle giornata più limpide lo sguardo potrà arrivare fino a Venezia e alle Alpi Giulie.

Bivacco Reali, il puntino rossoRidiscesi dalla Cima della Fradusta si scende in Val Canali, vi sono due vie, che si scelgono  a seconda dell’innevamento presente.

  1. Dalla Forcella Alta del Ghiacciaio 2727m si può seguire il sentiero CAI 707 se la neve presente non è superiore ai 50 cm circa. In questo caso la sottile traccia presente attorno a 2600m è percorribile senza pericolo di trovare cumuli da passare di traverso che creano un perfetto trampolino sulla sottostante parete di una cinquantina di metri. Passata questa zona il pendio non presenta più tratti esposti o pericolosi. Si arriva alla prima conca tra Foc di Sotto e Buse Alte. Si supera un breve colle e quindi, con la vista sul Passo Canali, si scende fino alla successiva conca da dove con 50 m di salita si guadagna Passo Canali 2469m
  2. Nel caso di abbondante presenza di neve, come è successo a noi in questo caso, occorre deviare verso la zona dei Foc. Dalla Forcella Alta si prende in direzione nord-est di traverso rispetto ai Foc di Sopra. Si perviene a un pendio che si può scendere comodamente ben frenati dalla neve farinosa che si trova in questa zona. Si scende anche l’ultimo pendio che porta nella zona più settentrionale dei Foc di Sotto 2455m. Da qui si risalgono in direzione sud-ovest i Foc e ci si riallaccia alla variante precedente nella cresta tra Foc di Sotto e Buse Alte. In questo percorso l’occhio cadrà inevitabilmente sulla catena meridionale delle Pale, dall’Agner fino alla Croda Granda

La lunga discesa - Val CanaliDa Passo canali si scende direttamente per 3 canali via via più larghi, aventi una pendenza importante. Spesso sono ghiacciati, essendo esposti a sud. Una volta terminati, a seconda dell’innevamento, si prospettano due possibilità:

  1. in caso di poca neve si va a prendere il sentiero 707 e girando attorno alla testata della valle si rientra verso il Rifugio Treviso ai piedi del versante sud
  2. L'essenza della valleSi segue il Vallon Manstorna e si rientra al Rifugio Treviso passando nel bel mezzo della Val Canali, in un percorso entusiasmante e insolito, che dona un grande senso di libertà. E’ questa via che abbiamo noi percorso. E’ stato entusiasmante scendere nel bel mezzo della Val Canali, godendo di prospettive nuove, scorci diversi, il tutto condito dall’ultima luce del giorno che ha reso ancora più suggestivo il luogo.

Pala del rifugioArrivati al Rifugio Treviso si scende per il sentiero a Zig Zag che porta lungo il greto del torrente Canali e poi fino all’Hotel Cant del Gal lungo la carrabile.

Copertina freeride e scialpinismo

Copertina freeride e scialpinismo

Alcune delle immagini presenti in questo articolo sono presenti nella guida uscita da poco “Scialpinismo Freeride e Ciaspole nelle Pale di San Martino”, ottima lettura per approfondire i percorsi invernali presenti nelle Pale, a cui ho collaborato con grande soddisfazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

La galleria delle foto dell’escursione!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Related Images:

Info su Tommaso

Coniuga inizialmente la passione per la montagna con il web, proponendo attraverso il suo sito www.passeggiando.it semplici relazioni delle escursioni che realizza. Man mano che passano gli anni migliora la propria tecnica fotografica, cercando i momenti migliori della giornata: è così che frequenta la montagna quasi sempre all’alba e al tramonto, cercando i momenti pieni di Pathos e li congela nella sua macchina fotografica. Negli ultimi tempi si concentra nella fotografia notturna, spostandosi tra i monti di notte alla luce della pila frontale, alla ricerca di nuove sensazioni, nuove magie da raccontare fotograficamente. Nel 2011, come conclusione di un percorso di ricerca, pubblica il suo primo libro fotografico: “Dall’alba al tramonto nel cuore delle Pale di San Martino”. Partecipa ad alcuni concorsi fotografici con apprezzabili risultati, tra cui in Ottobre 2012 il terzo posto nel Concorso Internazionale IMS di Bressanone e il primo al Concorso Rotary e la Montagna di Trento nel 2013. Nel dicembre 2013 pubblica due volumi dedicati alle Dolomiti della provincia di Belluno, frutto della collaborazione con Federico d'Ambros e dal titolo "Il volto nascosto delle Dolomiti", è coautore della guida" Scialpinismo-freeride ciaspole nelle Pale di San Martino", edita nel dicembre 2014; nel maggio 2015 esce con "Alla ricerca del giardino di Re Laurino", libro ambientato in Catinaccio e infine a dicembre 2015 scrive e pubblica una guida ai sentieri nelle Pale di San Martino
Questa voce è stata pubblicata in Altopiano, Ciaspe, Inverno, Pale di San Martino, Rosetta, SciAlpinismo, Val Canali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Traversata Rosetta-Val Canali 8 marzo 2014

  1. Giovanni scrive:

    Mi piace molto l’idea di abbinare le foto ad una relazione dettagliata. La foto acquista valore e la descrizione diventa piacevolmente esaustiva. Sembra di essere lì. Complimenti.

    • admin scrive:

      Grazie mille, mi dai modo di sottolineare lo spirito di passeggiando.it, che hai evidenziato: relazioni e foto per raccontare la montagna e le mie eperienze 🙂

  2. vittorio scrive:

    ….complimenti ….un giro con le palle…..completo in tutto….bravo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *